Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

 
Home Page Pinterest   Twitter   You Tube   English version   
CREARE E GESTIRE L'IMPRESA | SVILUPPARE L'IMPRESA | INFO ECONOMICA | TUTELARE L'IMPRESA | PROMOZIONE DEL TERRITORIO
Homepage > Chi siamo > Come operiamo

La Camera di Commercio

La Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Pavia è un ente pubblico dotato di autonomia funzionale.

Essa opera nell’ambito del territorio provinciale e, sulla base del principio di sussidiarietà, svolge funzioni di interesse generale per il sistema delle imprese, curandone lo sviluppo nell’ambito dell’economia locale.

La Camera gode di potestà statutaria e regolamentare nonché di autonomia organizzativa e finanziaria.

 

Come opera

La Camera di Commercio di Pavia svolge la sua attività direttamente e per mezzo dell'Azienda Speciale PAVIASVILUPPO, nata il 1° gennaio 2009 dalla razionalizzazione funzionale ed organizzativa che ha unificato le due Aziende preesistenti, PaviaMostre costituita nel 1985 e PaviaForm costituita nel 1990.

La Camera di Commercio di Pavia ha istituito inoltre le Sale di Contrattazione Merci di Pavia, Voghera e Mortara e gestisce direttamente quella di Pavia.

La Camera di Commercio di Pavia partecipa ad altre società detenendone quote di capitale sociale.

 

Il bilancio e le risorse economiche

Il Preventivo, le sue variazioni e il Bilancio d’esercizio sono predisposti dalla Giunta camerale e approvati con deliberazione del Consiglio. Il Preventivo deve essere approvato entro dicembre mentre il Bilancio d’esercizio entro aprile.

La vigilanza sulla regolarità contabile e finanziaria della Camera è esercitata dal Collegio dei Revisori.

Il Regolamento contabile delle Camere di Commercio, approvato con DPR 254/2005, prevede che gli Enti camerali adottino la contabilità economico-patrimoniale.

Il finanziamento delle Camere di Commercio è basato principalmente sul diritto annuale dovuto in misura variabile da tutti gli iscritti al Registro Imprese nonchè dai diritti di segreteria e dalle tariffe versati dagli utenti per i servizi resi dalla Camera.

Una quota del diritto annuale viene destinata ad un fondo perequativo gestito da Unioncamere nazionale per redistribuire le risorse fra tutte le Camere di Commercio e cofinanziare iniziative volte al miglioramento della produzione e dell'economia.


Ultima modifica: 10/8/2017