Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

 
Home Page You Tube   Pinterest   Twitter   Linkedin   You Tube   English version   
CREARE E GESTIRE L'IMPRESA | SVILUPPARE L'IMPRESA | INFO ECONOMICA | TUTELARE L'IMPRESA | PROMOZIONE DEL TERRITORIO
Homepage > Promozione del territorio > Archivio camerale > Mostra: L'archivio racconta… > Industria: dalla Garrone-Einstein alla Necchi

L'industria: dalla Garrone-Einstein alla Ambrogio Necchi

Come ricorda lo studioso Gianfranco Brusa (“L’industria pavese. Storia, economia, impatto ambientale”, pag. 340), alla fine dell’800 (anni ’80-‘90), anche per effetto del clima nuovo instauratosi a seguito dell’Unità d’Italia, si consolidò a Pavia un consistente insediamento industriale, oltre la cinta muraria, che vide anche importanti esempi di internazionalizzazione, come nel caso della Einstein-Garrone (1894).

Scrive il Brusa: “Fra i motivi che portarono tali investimenti dal centro Europa, o da altri ambiti geografici nazionali, alla nostra città e, in generale, che favorirono la nascita dell’industria pavese, vi furono senza dubbio ragioni di carattere economico […], ma anche stimoli extra-economici (di natura intellettuale, ideologica e culturale) […]. Negli anni ’60, infatti, intellettuali come Ausonio Franchi […] auspicarono, aderendo agli ideali massonici di allora, la nascita di società di mutuo soccorso, di istituti di credito e, soprattutto, di stabilimenti industriali, elaborando, altresì, un pensiero politico e socio-culturale in chiave progressista e democratica”.

Nel anni seguenti si è assistito alla progressiva deindustrializzazione della città di Pavia, lasciando il posto ad “aree dismesse”.

 

 

Lettera della Dionigi Ghisio e Figlio
Pavia, 21 febbraio 1929
Clicca sull'immagine per vederla ingrandita. File in formato jpg 85 kb
clicca sull'immagine per vederla ingrandita


Ultima modifica: 29/3/2018